Di nuovo in Guatemala

Dal 26 ottobre al 4 novembre saremo nuovamente in Guatemala per incontrare gli amici del “Comedor Infantil-Casa 4 luglio” e per seguire due progetti a cui teniamo molto: portare musica di qualità ed emozioni tramite la chitarra, la professionalità e la manualità di Massimiliano Alloisio e per seguire i lavori di un reportage fotografico che abbiamo commissionato a Giuseppe Dezza, fotografo con anni di esperienza in Salvador, perché è arrivato il momento di raccontare con immagini dove cooperiamo, con chi e perché.
Con Massimiliano Alloisio (comincia i suoi studi musicali di chitarra classica col Maestro Franco Brambati, approfondendo le tematiche della chitarra flamenca col Maestro Juan Lorenzo. Segue seminari coi Maestri Oscar Herrero, Miguel Rivera, José Postigo e Maurizio Colonna. Particolarmente attratto dalla composizione e dall’arrangiamento, si laurea all’Università di Pavia in Musicologia) andremo a regalare musica ed emozioni a 1000 metri nella comunità de El Bosque dove si coltiva caffè (qui da un anno, insieme alla Cooperativa Shadilly, alla Cooperativa Mondosolidale, all’associazione la Giostra del Sorriso e l’APS Presi nella Rete, finanziamo un piccolo ambulatorio che garantisce quotidiani servizi infermieristici e medici), ad Incontrare gli studenti dell’Università PanAmericana e i bambini, le mamme e i loro fratelli che seguiamo nel Comedor e che vivono nella Baraccopoli di Santa Gertrudis.
Sarà un piccolo viaggio, il secondo di quest’anno, per continuare ad esserci e contribuire a far crescere la cultura della solidarietà, del dono e della condivisione in un paese, il Guatemala, dove siamo presenti da 20 anni.
Se vi va vi terremo aggiornati e…buona giornata da Elisa, Giulia, Renza, Andrea e Ruggero (Volontari AINS onlus)

I Vescovi invitano a evitare violenza e sangue

Città del Guatemala (Agenzia Fides) – Come altri paesi dell’America latina, anche il Guatemala celebra la festa dell’indipendenza nazionale domani, 15 settembre. Nell’occasione la Conferenza Episcopale del paese (CEG) ha pubblicato un Messaggio nel contesto del “Mese della Patria”. Prendendo spunto dal versetto del libro dei Proverbi (1,8) “Ascolta, figlio mio, l’istruzione di tuo padre e non disprezzare l’insegnamento di tua madre”, i Vescovi invitano a riflettere su come rispondere in modo responsabile all’insegnamento di quanto ereditato, cioè “come vivere dinanzi a Dio le nostre responsabilità civili, affinché la giustizia e la pace diventino la base per convivere come popolo”.
Descrivendo la situazione reale, nel messaggio, pervenuto a Fides, scrivono: “In questi giorni viviamo momenti di tensione e confronto a causa di due decisioni dell’Esecutivo: il mancato rinnovo del permesso di soggiorno alla Commissione Internazionale contro l’Impunità in Guatemala (CICIG), e il divieto di reingresso a Ivan Velasquez, membro delle Nazioni Unite a capo della CICIG”.
I due fatti hanno diviso non solo l’opinione pubblica ma il paese intero, per questo i Vescovi propongono: “E’ necessario che la via del confronto sia superata con la promozione di un serio dialogo, per applicare il diritto ed esercitare la giustizia, come suggerito dal Procuratore nazionale”.
“Chiediamo a tutti di evitare la violenza e di far scorrere il sangue” scrivono i Vescovi, che sottolineano: “La lealtà di cui parla la Scrittura, significa rispetto per la legge. Nessuno è superiore alla legge, è un chiaro principio che coinvolge tutti”.
I Vescovi concludono invitando a celebrare il 15 settembre anche Nostra Signora dei Dolori, di cui ricorre la festa liturgica, chiedendo la forza di amare il Guatemala e servirlo nella verità e nella giustizia, non cercando il conflitto per risolvere i problemi.
La situazione in Guatemala ha causato preoccupazione anche a livello internazionale: “Esprimiamo il nostro dispiacere per la decisione sovrana del governo del Guatemala di non rinnovare il mandato della Cicig”, si legge nella nota che, a nome del gruppo delle Nazioni Unite denominato “G13”, è stata firmata da Canada, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera e Unione Europea.
Il documento ricorda “il vitale lavoro che la CICIG svolge nella lotta contro la corruzione e l’impunità, e l’importanza che possa continuare in questo lavoro fino alla fine del mandato”. I firmatari “riconoscono e apprezzano la leadership del commissario Velazquez”, rammaricandosi per la decisione di non farlo rientrare nel paese. Si tratta di un “passo indietro nel rafforzamento delle istituzioni guatemalteche”, scelta considerata al tempo stesso un “mancato compimento dell’accordo sottoscritto tra il Guatemala e l’Organizzazione delle Nazioni Unite”.
(CE) (Agenzia Fides, 14/09/2018)