Guatemala, i movimenti di base contro il rischio di amnistia per i crimini durante la guerra civile

  • Luca Martinelli, IL MANIFESTO
  • 12.02.2019

Il rischio è che venga approvata prima di giugno, quando si andrà al voto per eleggere il Congreso de la República e il nuovo presidente, che prenderà il posto di Jimmy Morales, l’ex attore comico eletto nel 2015.

A fine gennaio organizzazioni contadine ed indigene del Guatemala sono scese in piazza per protestare contro la riforma della Legge di riconciliazione nazionale, che garantirebbe una sorta di amnistia e quindi l’impunità a tutti coloro che si sono macchiati di crimini contro l’umanità durante la guerra civile conclusa nel 1996. Il rischio è che venga approvata prima di giugno, quando si andrà al voto per eleggere il Congreso de la República e il nuovo presidente, che prenderà il posto di Jimmy Morales, l’ex attore comico eletto nel 2015.

Continua la lettura di Guatemala, i movimenti di base contro il rischio di amnistia per i crimini durante la guerra civile