Appello dei Vescovi

 Di fronte alle “evidenti e prolungate difficoltà” per eleggere i membri delle Corti di giustizia: Suprema, di Appello e di Costituzionalità, come cittadini e Pastori della Chiesa in Guatemala, i Vescovi propongono le loro riflessioni in un comunicato dal titolo “Il Signore ama la giustizia” (Sal 37,28), pervenuto all’Agenzia Fides.
Innanzitutto la Presidenza della Conferenza episcopale evidenzia che “Ogni paese che vuole vivere nello stato di diritto ha bisogno di un sistema di amministrazione della giustizia che sia affidabile, adeguato alla legge ed esercitato da persone probe, onorevoli, che conoscono il Diritto e indipendenti di fronte a pressioni di qualsiasi tipo da parte di qualsiasi gruppo o persona”. Rilevano inoltre la necessità che gli operatori della giustizia “non siano eletti o imposti da organizzazioni legate apertamente o velatamente alla criminalità organizzata e al narcotraffico”.
Nelle loro riflessioni i Vescovi ricordano poi che il sistema di elezione dei giudici e dei magistrati stabilito nella Costituzione del 1985, “è stato stravolto da una diversità di interessi, il più delle volte illegali, quando non apertamente delittuosi e criminali”, che stanno facendo morire la giustizia e la sua amministrazione in Guatemala, e la fiducia in essa.
“I continui scandali legati alle persone legate ai processi elettorali di integrazione delle Corti costituiscono un dramma che mette in discussione l’esistenza stessa dello Stato di diritto nel Paese” ammoniscono i Vescovi, che esortano: “Come Chiesa cattolica, nella ricerca del bene comune come norma suprema di convivenza, esortiamo i responsabili, attivi e passivi, dei processi elettorali delle Corti, a contribuire a rendere possibile la credibilità nell’amministrazione della giustizia e nella giusta scelta dei suoi amministratori”.
Infine invocano Dio affinché illumini e sostenga “coloro che possono contribuire al rafforzamento della giustizia in Guatemala, giustizia che il nostro popolo desidera e che il Guatemala merita”. (SL)

(Agenzia Fides 01/03/2021)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *